Home » Erboristeria » Curarsi con le erbe naturali

Curarsi con le erbe naturali

Contenuto dell'articolo

Secondo una recente ricerca è stato appurato che sono moltissime le persone che hanno riscoperto l’efficacia delle erbe naturali per curare alcuni piccoli disturbi.

Le piante sono utilizzate per scopi terapeutici da millenni. Recentemente l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha stimato che circa l’80% della popolazione in tutto il mondo si affida a farmaci a base di erbe. In Germania circa il 70% dei medici tedesci prescrivono per i loro pazienti medicinali a base vegetale. Mentre in America l’utilizzo delle erbe naturali è aumentato del 70%.

Le cure naturali cosa trattano

La fitoterapia tratta moltissimi disturbi come ad esempio l’eczema, l’asma, l’artrite reumatoide, la sindrome premestruale, l’emicrania, la stanchezza e via dicendo…Gli integratori a base di erbe hanno un alto potere antinfiammatorio, ma devono essere assunti sotto la guida di medici. Quindi prima di ricorrere a qualsiasi rimedio fitoterapico è fondamentale contattare il proprio medico curante o eventualmente il farmacista.

Ecco qui di seguito alcune erbe naturali e il loro utilizzo:

  • Erba di San Giovanni nota come Hypericum Perforatum: la maggior parte degli studi ha appurato che questo rimedio fitoterapico è molto efficace per combattere gli stati depressivi da lieve a moderata entità. Inoltre causa meno effetti collaterali rispetto ai farmaci di sintesi. E’ efficace oltretutto nell’insonnia, nei disturbi dell’umore. In associazione con la valeriana e il griffone è ancora più efficace. I suoi effetti si manifestano dopo circa un paio di settimane con assunzione protratta per due o massimo tre mesi. Non è una pianta tossica e in caso di sovradosaggio non sono stati manifestati effetti indesiderati. In aggiunta è un ottimo antivirale, innalza le difese immunitarie  ed è particolarmente utile nelle gastriti.
  • Ginkgo Biloba: viene utilizzato nella medicina tradizionale per curare diversi disturbi quali, cattiva circolazione alle gambe, vuoti di memoria. Anche se non tutti gli studi sono d’accordo, questa pianta può essere molto efficace nel trattamento della demenza. In aggiunta, studi di laboratorio hanno dimostrato come l’uso di questa erba naturale favorisca una migliore circolazione sanguigna, riducendo la resistenza delle piastrine del sangue e dilatando al contempo stesso i vasi sanguigni.
  • L’Echinacea: questa pianta dai mille benefici è in grado di rinforzare il sistema immunitario. Inoltre è una delle piante più apprezzate e più utilizzate per curare il raffreddore. E’ utilizzata da migliaia di anni, e le sue proprietà benefiche sono state dimostrate perfino contro il cancro. I componeneti della radice contengono degli acidi particolari che hanno proprietà antivirale. Ma questa pianta non è solo efficace per combattere le malattie da raffreddamento, ma accelera il processo di guarigione quando il virus ha già colpito l’organismo. Coloro che soffrono da raffreddore da fieno o non tollerano il polline, prima di assumere questo fitoterapico è necessario eseguire alcuni test. Generalmente sia le pastiglie che gli estratti secchi sono abbastanza tollerati e quindi non dovrebbero  scatenare nessun tipo di reazioe allergica.

Le erbe possono essere disponibili sia nelle erboristerie che nei negozi. In aggiunta possono essere caratterizzati in diverse forme: capsule, tinture, estratti liquidi, oli, tisane, sciroppi.

In alcuni Paesi le erbe naturali sono classificati come farmaci e sono regolate con leggi ben specifiche.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *