Home » Erboristeria » Cura delle piante aromatiche: errori da evitare

Cura delle piante aromatiche: errori da evitare

Contenuto dell'articolo

Buone, belle e profumate: le piante aromatiche sono perfette per un piccolo orto in vaso da coltivare nei mesi primaverili.

Le piante aromatiche sono fondamentali nonchè indispensabili sui nostri balconi. Non solo perchè tali erbe sono genuine e più economiche, ma perchè la cucina italiana prevede un largo utilizzo di queste erbe e pertanto risulta comodo averle sempre fresche e soprattutto a portata di mano.

Però è necessario curarle nel modo corretto, poichè ogni vegetale necessita di cure e di accorgimenti diversi.

Ecco alcuni errori da evitare

Il primo degli errori da evitare è quello di piantare tutte le piante aromatiche nello stesso vaso, anche se è molto capiente. Questo perchè ogni pianta necessita di innaffiture diverse.

Ad esempio, il basilico ha bisogno di molta acqua soprattutto durante la stagione estiva. Mentre per le altre piante non vige la stessa regola. Quindi a tale riguardo è di vitale importanza disporre il vegetale in vasi singoli.

Anche il rosmarino ha bisogno di alcuni riguardi. se si decide di coltivare tale vegetale, è necessario coltivarlo in un vaso piuttosto grande. Molti si domanderanno il senso di questa cosa..ma è molto semplice: con il tempo il rosmarino tende a crescere rigogliosamente e ha bisogno di un vaso adatto alle sue dimensioni. Quindi è bene lasciargli tutto lo spazio necessario..

Un altro utile accorgimento è il seguente: quando prelevi i rami cerca di prendere quelli laterali e non quelli al centro altrimenti rovini la crescita!

Pianta aromatica: la salvia

Per quanto riguarda la salvia invece attenzione al mal bianco. Si tratta di una malattia fungina capace di uccidere il vegetale nel giro di poco tempo se non si adottano i giusti accorgimenti. Non è dannosa per l’uomo se viene assunta, però può arrecare dei seri danni alla pianta stessa.

Quindi per poter prevenire il problema vi consiglio di posizionarla in luogo soleggiato. Nella stagione invernale perde le foglie, ma è normale..Oltretutto  riesce a sopravvivere anche a temperature abbastanza rigide riprendendo nuovamente il suo splendore durante la primavera.

Se coltivate l’erba cipollina come pianta aromatica vi consiglio vivamente di tagliare i fiori perchè altrimenti sottraggono sostanze nutritive alla pianta e quindi le foglie tendono ad impoverire.

E’ una pianta molto robusta, pertanto è in grado di resistere anche alle basse temperature. Tuttavia per ottenere un buon sviluppo è necessario disporla in un luogo abbastanza soleggiato. Predilige il terreno fresco e ben drenato a differenza delle altre piante.

Pianta aromatica: il cappero

La pianta del cappero è un arbusto tipico dell’area mediterranea. Predilige un’esposizione in pieno sole e temperature molto elevate, teme invece gli inverni rigidi e il gelo.

Si adatta a qualsiasi tipo di terreno, non va innaffiata spesso come molti potrebbero pensare, perchè riesce a sopravvivere anche solo grazie all’acqua piovana.

E’ molto resistente sia a malattie che a parassiti. L’unico aspetto negativo di tale pianta aromatica è che di difficile moltiplicazione.

Quindi se volete procedere con la riproduzione per talea, vi consiglio di utilizzare alcune parti dei rami legnosi della pianta, provvedendo ad interrarli in un composto di torba e sabbia.

Il successo tuttavia non è sempre assicurato..

A presto!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *