Gardenia: come prendersene cura

Contenuto dell'articolo

La gardenia è una pianta tanto delicata quanto affascinante e profumata. Per avere una pianta fiorita e rigogliosa ci sono alcuni piccoli accorgimenti da prendere in considerazione, prima fra tutti l’acqua!

Non è difficile prendersene cura, erroneamente a quanti molti pensano, però se volete che duri più a lungo possibile è fondamentale porre attenzione ad alcuni piccoli aspetti.

La gardenia fiorisce dalla primavera fino alla fine dell’estate. I suoi fiori oltre ad essere bellissimi sono anche molto profumati.

Se decidete di acquistare una Gardenia è importante tenere in considerazione un aspetto: la Gardenia come è stato anticipato precedentemente, fiorisce soltanto quando fa caldo, se troverete le gardenie fiorite anche in autunno o in inverno potete stare tranquilli che appassiranno nel giro di poco tempo. Quindi per ovviare al problema vi consiglio di acquistare la pianta durante la primavera o l’estate.

Cosa fare quando si acquista la pianta?

La prima cosa che dovete fare quando acquistate il vegetale è metterlo in un luogo della casa abbastanza luminoso. La gardenia non deve essere colpita direttamente dai raggi solari.

Inoltre la stanza deve essere arieggiata con una temperatura mite. La temperatura ideale non deve scendere sotto i 15°, ma deve essere fra i 18 e i 20°

Come irrigare la gardenia

Ogni giorno dovete vaporizzare con acqua piovana le foglie e non i fiori, perchè questi rischiano di ammalarsi. Per le innaffiature non utilizzate mai acqua di rubinetto. In alternativa potete correggerla con solfato di ammonio diluito nella misura di un grammo per litro.

Quindi assicuratevi che la stanza abbia un buon grado di umidità perchè il vegetale in questione patisce molto la sete e una carenza idrica non farebbe altro che causare la caduta delle foglie.

La gardenia è adatta sia per l’interno che per l’esterno e gli accorgimenti da prendere in considerazione sono sempre gli stessi.

Parassiti

La gardenia è soggetta ad una serie di parassiti che succhiano la linfa. I comuni parassiti da gardenia sono gli acari, i tripidi e gli aleurodidi. Per quanto riguardano gli acari, essi possono essere eliminati attraverso un getto diretto di acqua fredda o in alternativa va bene anche un insetticida.

Per prevenire l’insorgenza di tali parassiti è possibile spruzzare alla pianta stessa l’olio di Neem che si rivela particolarmente efficace.

Ma anche un’innaffiatura eccessiva può  essere causa di infestazioni di parassiti. Quindi evitate di innaffiarla spesso.

In aggiunta, un utilizzo inappropriato della tacnica colturale può causare la caduta di foglie. Un rimedio molto utile è quello di eliminare le radici ormai marce e isolare al contempo stesso quelle che sono ancora in buono stato.

Fertilizzazione

La gardenia deve essere fertilizzata ogni tre settimane. E’ consigliabile utilizzare un concime a base di acido. Le piante cresciute hanno bisogno del  fertilizzante nei seguenti periodi:

  1. marzo
  2. maggio
  3. agosto
  4. ottobre

Ricordate: dovete potare la pianta soltanto quando è inattiva, ossia non produce fioriture. Non dovete mai tagliare tutte le foglie della pianta. Dopo aver eseguito la potatura, rimuovete tutti i fiori morti: staccarli dal vegetale non farà altro che aiutarlo a produrre più fioriture.

 

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.