Erboristeria – Dojo Garden https://www.dojogarden.it L'arte del giardinaggio Wed, 25 Jul 2018 23:02:24 +0000 it-IT hourly 1 https://wordpress.org/?v=5.5.3 Coltivare e sfruttare le proprietà del tarassaco https://www.dojogarden.it/2018/07/coltivare-e-sfruttare-le-proprieta-del-tarassaco.html https://www.dojogarden.it/2018/07/coltivare-e-sfruttare-le-proprieta-del-tarassaco.html#respond Wed, 25 Jul 2018 23:02:24 +0000 https://www.dojogarden.it/?p=532 Il dente di leone o tarassaco è una varietà di erba spontanea molto diffusa nel nostro paese che possiamo facilmente individuare a bordo delle strade, fino a 2000 m di altitudine e nei campi non coltivati. Sono caratteristici i suoi fiori gialli e i soffioni a forma di palla: quando raggiungono questa forma sono pronti …

The post Coltivare e sfruttare le proprietà del tarassaco appeared first on Dojo Garden.

]]>
Il dente di leone o tarassaco è una varietà di erba spontanea molto diffusa nel nostro paese che possiamo facilmente individuare a bordo delle strade, fino a 2000 m di altitudine e nei campi non coltivati. Sono caratteristici i suoi fiori gialli e i soffioni a forma di palla: quando raggiungono questa forma sono pronti a diffondere i semi. Si tratta ad ogni modo di una pianta dalle incredibili proprietà.

Il tarassaco è commestibile e non sempre è necessario coltivarlo in quanto si trova molto frequentemente come erba spontanea nei prati; il colore giallo intenso dei fiori rende molto semplice individuare il dente di leone anche da lontano. Chi vive in zone più urbane potrebbe trovare maggiori difficoltà a rintracciare questo fiore e quindi il consiglio è di seminarlo nel proprio orto: stiamo parlando di una delle coltivazioni più semplici in assoluto.

Coltivare il tarassaco: una delle coltivazioni più semplici

La semina avviene da marzo a maggio oppure tra fine aprile e giugno direttamente in terra. La distanza tra le piantine deve essere misurata tra 15 e 20 centimetri: le piantine giovani possono essere diradate man mano e quelle prelevate dalla terra possono essere mangiate subito in insalata.

Questa pianta è decisamente molto resistente a malattie e parassiti e il suo colore e l’abbondanza di nettare attirano le api e gli altri insetti che si dedicano all’impollinazione rendendo il tarassaco un ottimo vicino per tante coltivazioni del nostro orto. Anche chi non volesse coltivarlo avrà convenienza a lasciarlo ai bordi della propria terra affinché tutto l’orto possa trarne vantaggi.

Grazie alla profondità delle sue radici è molto utile anche negli orti biologici poichè smuove il terreno in modo naturale; le piante giovani vanno innaffiate con regolarità perché le loro radici non sono ancora sufficientemente profonde.

Per ottenere un’insalata fresca anche fuori stagione le piante possono essere sradicate a novembre, e invasate al coperto e al buio.

Un’erba spontanea dalle tante proprietà: come coltivare e utilizzare il tarassaco

Le foglie del tarassaco possono essere raccolte da giovani quando sono più tenere al palato, altrimenti è bene lessarle; i boccioli possono essere conservati sott’olio, sotto sale e  sotto aceto, ottenendo un risultato analogo ai capperi. Le radici possono essere consumate a crudo dagli amanti dei sapori particolarmente amari ( ma possono comunque essere associate ad altri vegetali più dolciastri ).

Le foglie da mangiare in insalata andrebbero raccolte preferibilmente in primavera prima del momento della fioritura, mentre quelle da cuocere possono essere prelevate in qualsiasi momento della vita della pianta – evitando le più vecchie che risulterebbero ancora più amare.

I fiori vanno raccolti tra aprile e maggio: risultano sempre commestibili ma l’ideale è cogliere i boccioli quando non sono ancora chiusi (questa è la soluzione migliore per le conservazioni sottaceto). Le radici invece andrebbero colte alla fine della stagione in prossimità dell’autunno quando risultano più spesse. I risultati migliori si ottengono con terreni sabbiosi: quando si raccolgono le radici, ovviamente tutta la pianta andrà prelevata.

Le foglie di tarassaco hanno un’interessante capacità diuretica risultando molto utili come tisane e decotti per gli soffrisse di questo tipo di difficoltà. Grazie anche alle proprietà depurative le radici sono estremamente benefiche per il fegato e l’intestino.

The post Coltivare e sfruttare le proprietà del tarassaco appeared first on Dojo Garden.

]]>
https://www.dojogarden.it/2018/07/coltivare-e-sfruttare-le-proprieta-del-tarassaco.html/feed 0
Proprietà e benefici della malva https://www.dojogarden.it/2015/04/proprieta-e-benefici-della-malva.html https://www.dojogarden.it/2015/04/proprieta-e-benefici-della-malva.html#respond Tue, 07 Apr 2015 20:24:48 +0000 http://www.dojogarden.it/?p=419 La malva è una pianta medicinale usata in tempi remoti dai nostri antenati per curare diversi disturbi. Da un punto di vista botanico, la malva appartiene alla famiglia della Malvaceae ed è un vegetale che si trova soprattutto nei giardini e nei prati ed è caratterizzata da fiori di colore violaceo. Sono proprio i fiori …

The post Proprietà e benefici della malva appeared first on Dojo Garden.

]]>
La malva è una pianta medicinale usata in tempi remoti dai nostri antenati per curare diversi disturbi.

Da un punto di vista botanico, la malva appartiene alla famiglia della Malvaceae ed è un vegetale che si trova soprattutto nei giardini e nei prati ed è caratterizzata da fiori di colore violaceo. Sono proprio i fiori ad essere maggiormente utilizzati per curare diversi disturbi.

In queste infiorescenze sono presenti alcune sostanze ben specifiche come le mucillagini e le pectine, grazie alle quali fanno della malva un ottimo antinfiammatorio.

Malva: proprietà curative

Vediamo insieme a cosa serve questa pianta e come utilizzare al meglio le sue proprietà curative e cosmetiche.

Ma prima di illustrare specificatamente le sue proprietà è doveroso sottolineare che il suo utilizzo non deve per nessuna ragione sostituirsi ai farmaci prescritti dal proprio medico di fiducia, poichè omeopatia e fitoterapia possono solamente coadiuvare la terapia farmacologica.

Detto questo, ecco qui di seguito i benefici che si possono ottenere grazie alla malva:

  • per chi soffre di stitichezza: la malva può rivelarsi un’ottima soluzione. Infatti grazie alle mucillagini presenti, le feci tendono ad ammorbidirsi e ne favoriscono la fuoriuscita in modo molto dolce, tanto che questo lassativo è altamente consigliato anche durante la gravidanza. Per preparare una buona tisana procedere in questo modo: basta mettere in 250 ml di acqua calda 1 cucchiaino di semi di lino e 10 gr di foglie e fiori di malva. La tisana va bevuta esclusivamente a stomaco vuoto  prima della colazione
  • per chi soffre di emorroidi: l’infuso a base di malva può essere un ottimo espediente. Per ottenere dei buoni risultati procedere nella seguente maniera: mettere in un pentolino 50 gr. di malva in un litro di acqua e portare ad ebollizione per circa un minuto. In seguito lasciare riposare il tè per 15 minuti e poi filtrare il tutto con un colino possibilmente a maglie strette. E’ consigliabile berne tre tazze al giorno lontano dai pasti
  • per chi ha disturbi all’apparato respiratorio è sicuramente un buon aiuto. Grazie alle proprietà dei principi attivi presenti, la malva calma non solo l’infiammazione dell’apparato respiratorio ma al contempo stesso ne facilita l’espulsione del catarro.

Proprietà cosmetiche

Oltre alle proprietà curative, la malva possiede anche proprietà cosmetiche di grande rilevanza. Infatti essa viene utilizzata come ingrediente base per la preparazione di lozioni doposole, creme idratanti, e tanti altri prodotti per la cura della persona.

Con la malva si possono preparare anche dentifrici o collutori per l’igiene orale, e a detta di molti questa pianta è davvero miracolosa!

Erroneamente a quanti molti pensano, la malva non presenta effetti collaterali. Per tale ragione può essere assunta anche durante il periodo della gestazione per lenire non solo la cistite ma anche per combattere la tanta temuta stitichezza.

Ma questa pianta selvatica può essere usata non solo per scopi terapeutici ma anche in cucina per dare un sapore in più alle pietanze.  Infatti può essere aggiunta cruda all’insalata, oppure cotta in vari piatti.

Se non si dispone di una pianta di malva nel proprio giardino, si può tranquillamente reperire  nelle erboristerie o in farmacia.

A presto!

The post Proprietà e benefici della malva appeared first on Dojo Garden.

]]>
https://www.dojogarden.it/2015/04/proprieta-e-benefici-della-malva.html/feed 0
Cura delle piante aromatiche: errori da evitare https://www.dojogarden.it/2015/02/cura-delle-piante-aromatiche-errori-da-evitare.html https://www.dojogarden.it/2015/02/cura-delle-piante-aromatiche-errori-da-evitare.html#respond Tue, 24 Feb 2015 16:43:52 +0000 http://www.dojogarden.it/?p=396 Buone, belle e profumate: le piante aromatiche sono perfette per un piccolo orto in vaso da coltivare nei mesi primaverili. Le piante aromatiche sono fondamentali nonchè indispensabili sui nostri balconi. Non solo perchè tali erbe sono genuine e più economiche, ma perchè la cucina italiana prevede un largo utilizzo di queste erbe e pertanto risulta …

The post Cura delle piante aromatiche: errori da evitare appeared first on Dojo Garden.

]]>
Buone, belle e profumate: le piante aromatiche sono perfette per un piccolo orto in vaso da coltivare nei mesi primaverili.

Le piante aromatiche sono fondamentali nonchè indispensabili sui nostri balconi. Non solo perchè tali erbe sono genuine e più economiche, ma perchè la cucina italiana prevede un largo utilizzo di queste erbe e pertanto risulta comodo averle sempre fresche e soprattutto a portata di mano.

Però è necessario curarle nel modo corretto, poichè ogni vegetale necessita di cure e di accorgimenti diversi.

Ecco alcuni errori da evitare

Il primo degli errori da evitare è quello di piantare tutte le piante aromatiche nello stesso vaso, anche se è molto capiente. Questo perchè ogni pianta necessita di innaffiture diverse.

Ad esempio, il basilico ha bisogno di molta acqua soprattutto durante la stagione estiva. Mentre per le altre piante non vige la stessa regola. Quindi a tale riguardo è di vitale importanza disporre il vegetale in vasi singoli.

Anche il rosmarino ha bisogno di alcuni riguardi. se si decide di coltivare tale vegetale, è necessario coltivarlo in un vaso piuttosto grande. Molti si domanderanno il senso di questa cosa..ma è molto semplice: con il tempo il rosmarino tende a crescere rigogliosamente e ha bisogno di un vaso adatto alle sue dimensioni. Quindi è bene lasciargli tutto lo spazio necessario..

Un altro utile accorgimento è il seguente: quando prelevi i rami cerca di prendere quelli laterali e non quelli al centro altrimenti rovini la crescita!

Pianta aromatica: la salvia

Per quanto riguarda la salvia invece attenzione al mal bianco. Si tratta di una malattia fungina capace di uccidere il vegetale nel giro di poco tempo se non si adottano i giusti accorgimenti. Non è dannosa per l’uomo se viene assunta, però può arrecare dei seri danni alla pianta stessa.

Quindi per poter prevenire il problema vi consiglio di posizionarla in luogo soleggiato. Nella stagione invernale perde le foglie, ma è normale..Oltretutto  riesce a sopravvivere anche a temperature abbastanza rigide riprendendo nuovamente il suo splendore durante la primavera.

Se coltivate l’erba cipollina come pianta aromatica vi consiglio vivamente di tagliare i fiori perchè altrimenti sottraggono sostanze nutritive alla pianta e quindi le foglie tendono ad impoverire.

E’ una pianta molto robusta, pertanto è in grado di resistere anche alle basse temperature. Tuttavia per ottenere un buon sviluppo è necessario disporla in un luogo abbastanza soleggiato. Predilige il terreno fresco e ben drenato a differenza delle altre piante.

Pianta aromatica: il cappero

La pianta del cappero è un arbusto tipico dell’area mediterranea. Predilige un’esposizione in pieno sole e temperature molto elevate, teme invece gli inverni rigidi e il gelo.

Si adatta a qualsiasi tipo di terreno, non va innaffiata spesso come molti potrebbero pensare, perchè riesce a sopravvivere anche solo grazie all’acqua piovana.

E’ molto resistente sia a malattie che a parassiti. L’unico aspetto negativo di tale pianta aromatica è che di difficile moltiplicazione.

Quindi se volete procedere con la riproduzione per talea, vi consiglio di utilizzare alcune parti dei rami legnosi della pianta, provvedendo ad interrarli in un composto di torba e sabbia.

Il successo tuttavia non è sempre assicurato..

A presto!

 

The post Cura delle piante aromatiche: errori da evitare appeared first on Dojo Garden.

]]>
https://www.dojogarden.it/2015/02/cura-delle-piante-aromatiche-errori-da-evitare.html/feed 0
Canfora: ecco tutti i benefici https://www.dojogarden.it/2015/01/canfora-ecco-tutti-benefici.html https://www.dojogarden.it/2015/01/canfora-ecco-tutti-benefici.html#respond Sun, 18 Jan 2015 14:50:28 +0000 http://www.dojogarden.it/?p=362 Si tratta di un albero sempreverde e le sue dimensioni variano tra i 25 e i 30 metri di altezza. Originario dell’Asia, da questo albero è possibile estrarre l’olio di canfora fortemente utilizzato in erboristeria per curare molteplici disturbi e per allontanare gli insetti. Quest’olio è particolarmente tossico per l’uomo se ingerito in grandi quantità. …

The post Canfora: ecco tutti i benefici appeared first on Dojo Garden.

]]>
Si tratta di un albero sempreverde e le sue dimensioni variano tra i 25 e i 30 metri di altezza. Originario dell’Asia, da questo albero è possibile estrarre l’olio di canfora fortemente utilizzato in erboristeria per curare molteplici disturbi e per allontanare gli insetti.

Quest’olio è particolarmente tossico per l’uomo se ingerito in grandi quantità. Da una recente ricerca scientifica è stato appurato che l’ingestione dei frutti da parte degli animali sia causa di sterilità.

Quest’albero può vivere mediamente fino a 200 anni. E’ caratterizzato da una folta chioma e i fiori sono particolarmente bianchi, i quali si riuniscono a formare delle infiorescenze a pannocchia.

 

Coltivazione

Per quanto concerne la sua coltivazione, questo albero maestoso non teme il freddo anche se gelate tardive potrebbero rovinare i germogli primaverili. Va posto a dimora in un luogo soleggiato o parzialmente ombreggiato.

Gli alberi da canfora non temono la siccità e possono essere lasciati anche per lungo tempo senza acqua. Però se le piante sono state messe a dimora da poco tempo, in questo caso è consigliabile irrigarle regolarmente.

Essendo un albero di grosse dimensioni, è opportuno posizionarlo in giardini abbastanza ampi o in parchi pubblici.

Preferisce terreni ben drenati o un terreno a reazione leggermente acida. Attenzione ai ristagni idrici, perchè potrebbero portare danni seri all’apparato radicale con conseguente deperimento e morte.

Quali sono i benefici di questa pianta?

Oltre ad essere una pianta prettamente decorativa, la canfora delle funzioni molto importanti per la nostra salute.

L’estratto di questa pianta stimola l’attività cardiaca, rafforza le mucose e l’apparato digerente, lenisce i crampi causati dal freddo.

Ma i benefici non finiscono qua. Infatti questa pianta viene utilizzata anche da chi soffre di depressione.

Inoltre diluito in olio di mandorle dolci può essere massaggiato su slogature, crampi, ecchimosi, tensioni muscolari. Per questa ragione si trovano facilmente in commercio pomate o preparati a base di questo principio attivo.

Infatti è stato dimostrato che se utilizzato per massaggi ai muscoli prima di eseguire un’attività fisica, risulterà un aiuto in più per alleviare tensioni muscolari o per prevenire problemi venosi.

Modalità d’uso: massaggiare la zona dolorante con quest’olio per due o tre volte al giorno facendolo assorbire completamente. Nel giro di pochi giorni si potrà intravedere un buon miglioramento.

L’olio di canfora si rivela particolarmente efficace anche sulla pelle grassa con brufoli o acne. Basta bagnare delle compresse di garza sterile in 200 ml di acqua distillata contenente anche 8 gocce di olio di canfora. Mettere sulle zone affette da acne. Le garze bisogna cambiarle non appena si riscalderanno. Eseguire tale procedura per almeno 15 minuti.

Infine, in caso di disturbi reumatici versare 10 gocce di olio di canfora nella vasca da bagno e rimanere immersi per almeno 20 minuti in maniera tale da usufruire dell’azione stimolante sulla circolazione.

Un’accortezza da tenere bene in mente: come molti oli essenziali, anche l’olio di canfora si rivela particolarmente tossico a dosaggio elevato. In aggiunta è di vitale importanza non utilizzarlo durante la gravidanza o da persone affette da crisi epilettiche. Gli effetti collaterali che potrebbero insorgere non sarebbero affatto indifferenti.

 

 

The post Canfora: ecco tutti i benefici appeared first on Dojo Garden.

]]>
https://www.dojogarden.it/2015/01/canfora-ecco-tutti-benefici.html/feed 0
Piante per curare i malesseri invernali https://www.dojogarden.it/2014/12/piante-per-curare-malesseri-invernali.html https://www.dojogarden.it/2014/12/piante-per-curare-malesseri-invernali.html#respond Sun, 28 Dec 2014 15:11:54 +0000 http://www.dojogarden.it/?p=333 Si sa, la stagione fredda è il periodo in cui si è colpiti maggiormente da dolori articolari, influenza, raffreddore procurandoci stress non solo psicologico ma anche fisico. Per fortuna, in natura esistono diverse piante ed erbe che possono essere utilizzate tranquillamente per curare le malattie da raffreddamento, e i benefici che ne scaturiscono  sono davvero …

The post Piante per curare i malesseri invernali appeared first on Dojo Garden.

]]>
Si sa, la stagione fredda è il periodo in cui si è colpiti maggiormente da dolori articolari, influenza, raffreddore procurandoci stress non solo psicologico ma anche fisico.

Per fortuna, in natura esistono diverse piante ed erbe che possono essere utilizzate tranquillamente per curare le malattie da raffreddamento, e i benefici che ne scaturiscono  sono davvero innumerevoli.

Le piante maggiormente utilizzate per curare i malesseri invernali sono: la rosa canina, l’eucalipto, la menta. Ognuna ha una specifica funzione curativa. Vediamo qui di seguito quali sono le proprietà e i benefici che queste piante apportano per il proprio benessere psico-fisico.

Iniziamo subito dall’eucalipto: questa pianta naturale è particolarmente indicata sia per curare la tosse che gli stati influenzali tipici del periodo invernale. Per disinfettare il cavo orale invece, può essere utilizzato come antisettico semplicemente impiegandolo per fare gargarismi.

Come coltivare l’eucalipto in giardino

Se volete potete coltivare direttamente la pianta di eucalipto nel vostro giardino. La sua coltivazione è davvero molto semplice e in aggiunta non richiede cure particolari. Ecco qui di seguito alcuni utili consigli:

Per poter piantare questa pianta dai mille benefici acquistate un piccolo alberello. Attenzione: le piante con radici attorcigliate non vanno fatto bene. Quindi state molto attenti all’acquisto!

Per poter ottenere una pianta ben vigorosa è utile porre a dimora l’eucalipto in luogo soleggiato ma riparato da raffiche di vento. Generalmente non teme il freddo, anche se ci sono alcune specie di eucalpito che non sopportano il freddo intenso.

Possono sopportare periodi anche lunghi di siccità o di forte umidità nel terreno. Tuttavia è consigliabile innaffiare le giovani piante da poco poste a dimora almeno ogni 3 settimane circa, naturalmente durante la bella stagione.

In aggiunta si accontenta di un terreno povero di nutrienti, mentre detesta i terreni alcalini. Queste piante non vengono attaccate da parassiti o da malatttie.

Un’altra pianta molto efficace per combattere i malesseri invernali è la menta

L’olio essenziale di menta, grazie alla presenza del mentolo, è in grado di prevenire diverse infezioni e in più è un ottimo germicida. E’ presente in ogni stagione dell’anno e può essere facilmente coltivata sia in vaso che in giardino.

La menta è un utile coadiuvante nel trattamento della tosse, dell’asma ed è in grado di favorire l’abbassamento della temperatura corporea in caso di febbre molto alta.

In caso di raffreddore potete provare l’olio di menta : basta versare soltanto poche gocce di essenza in un litro di acqua bollente per sentirsi subito meglio.

Come coltivare la menta in vaso

La menta cresce bene in zone all’ombra ma resiste molto bene anche all’esposizione diretta al sole.

E’ possibile iniziare la coltivazione semplicemente acquistando delle piantine. La pianta in questione predilige un terreno alcalino caratterizzato da un ph leggermente acido compreso tra 6,5 e 7. Il periodo più adatto per iniziare a coltivare la menta è la stagione primaverile.

Per quanto riguarda l’innaffiatura, la pianta non ha esigenze particolari. Con una frequenza settimanale, di regola la pianta si mantiene in ottime condizioni. La menta teme soltanto i ristagni dell’acqua, in quanto la troppa umidità la rende sensibile agli attacchi dei parassiti.

Va ricordata inoltre la rosa canina, efficace nel rafforzare le difese immunitarie. Per tale ragione è più adatta ad un utilizzo preventivo che curativo. Si trova in commercio sotto forma di sciroppo o capsule, nonchè in soluzioni solubili da sciogliere in acqua.

A presto!

 

The post Piante per curare i malesseri invernali appeared first on Dojo Garden.

]]>
https://www.dojogarden.it/2014/12/piante-per-curare-malesseri-invernali.html/feed 0
Curarsi con le erbe naturali https://www.dojogarden.it/2014/12/curarsi-con-le-erbe-naturali.html https://www.dojogarden.it/2014/12/curarsi-con-le-erbe-naturali.html#respond Tue, 02 Dec 2014 15:09:42 +0000 http://www.dojogarden.it/?p=313 Secondo una recente ricerca è stato appurato che sono moltissime le persone che hanno riscoperto l’efficacia delle erbe naturali per curare alcuni piccoli disturbi. Le piante sono utilizzate per scopi terapeutici da millenni. Recentemente l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha stimato che circa l’80% della popolazione in tutto il mondo si affida a farmaci a base …

The post Curarsi con le erbe naturali appeared first on Dojo Garden.

]]>
Secondo una recente ricerca è stato appurato che sono moltissime le persone che hanno riscoperto l’efficacia delle erbe naturali per curare alcuni piccoli disturbi.

Le piante sono utilizzate per scopi terapeutici da millenni. Recentemente l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha stimato che circa l’80% della popolazione in tutto il mondo si affida a farmaci a base di erbe. In Germania circa il 70% dei medici tedesci prescrivono per i loro pazienti medicinali a base vegetale. Mentre in America l’utilizzo delle erbe naturali è aumentato del 70%.

Le cure naturali cosa trattano

La fitoterapia tratta moltissimi disturbi come ad esempio l’eczema, l’asma, l’artrite reumatoide, la sindrome premestruale, l’emicrania, la stanchezza e via dicendo…Gli integratori a base di erbe hanno un alto potere antinfiammatorio, ma devono essere assunti sotto la guida di medici. Quindi prima di ricorrere a qualsiasi rimedio fitoterapico è fondamentale contattare il proprio medico curante o eventualmente il farmacista.

Ecco qui di seguito alcune erbe naturali e il loro utilizzo:

  • Erba di San Giovanni nota come Hypericum Perforatum: la maggior parte degli studi ha appurato che questo rimedio fitoterapico è molto efficace per combattere gli stati depressivi da lieve a moderata entità. Inoltre causa meno effetti collaterali rispetto ai farmaci di sintesi. E’ efficace oltretutto nell’insonnia, nei disturbi dell’umore. In associazione con la valeriana e il griffone è ancora più efficace. I suoi effetti si manifestano dopo circa un paio di settimane con assunzione protratta per due o massimo tre mesi. Non è una pianta tossica e in caso di sovradosaggio non sono stati manifestati effetti indesiderati. In aggiunta è un ottimo antivirale, innalza le difese immunitarie  ed è particolarmente utile nelle gastriti.
  • Ginkgo Biloba: viene utilizzato nella medicina tradizionale per curare diversi disturbi quali, cattiva circolazione alle gambe, vuoti di memoria. Anche se non tutti gli studi sono d’accordo, questa pianta può essere molto efficace nel trattamento della demenza. In aggiunta, studi di laboratorio hanno dimostrato come l’uso di questa erba naturale favorisca una migliore circolazione sanguigna, riducendo la resistenza delle piastrine del sangue e dilatando al contempo stesso i vasi sanguigni.
  • L’Echinacea: questa pianta dai mille benefici è in grado di rinforzare il sistema immunitario. Inoltre è una delle piante più apprezzate e più utilizzate per curare il raffreddore. E’ utilizzata da migliaia di anni, e le sue proprietà benefiche sono state dimostrate perfino contro il cancro. I componeneti della radice contengono degli acidi particolari che hanno proprietà antivirale. Ma questa pianta non è solo efficace per combattere le malattie da raffreddamento, ma accelera il processo di guarigione quando il virus ha già colpito l’organismo. Coloro che soffrono da raffreddore da fieno o non tollerano il polline, prima di assumere questo fitoterapico è necessario eseguire alcuni test. Generalmente sia le pastiglie che gli estratti secchi sono abbastanza tollerati e quindi non dovrebbero  scatenare nessun tipo di reazioe allergica.

Le erbe possono essere disponibili sia nelle erboristerie che nei negozi. In aggiunta possono essere caratterizzati in diverse forme: capsule, tinture, estratti liquidi, oli, tisane, sciroppi.

In alcuni Paesi le erbe naturali sono classificati come farmaci e sono regolate con leggi ben specifiche.

 

The post Curarsi con le erbe naturali appeared first on Dojo Garden.

]]>
https://www.dojogarden.it/2014/12/curarsi-con-le-erbe-naturali.html/feed 0
Proprietà e benefici del tè verde https://www.dojogarden.it/2014/11/proprieta-benefici-verde.html https://www.dojogarden.it/2014/11/proprieta-benefici-verde.html#respond Mon, 17 Nov 2014 14:42:22 +0000 http://www.dojogarden.it/?p=282 Il tè verde viene considerato da molti come la bevanda della salute grazie alle molteplici proprietà benefiche che questa pianta possiede. Nel corso degli ultimi decenni, anche la scienza ha messo in evidenza le sue proprietà diuretiche, antinfiammatorie e antiossidanti. Il tè verde è un arbusto originario dell’Asia dove viene utilizzato da ben oltre 5000 …

The post Proprietà e benefici del tè verde appeared first on Dojo Garden.

]]>
Il tè verde viene considerato da molti come la bevanda della salute grazie alle molteplici proprietà benefiche che questa pianta possiede. Nel corso degli ultimi decenni, anche la scienza ha messo in evidenza le sue proprietà diuretiche, antinfiammatorie e antiossidanti.

Il tè verde è un arbusto originario dell’Asia dove viene utilizzato da ben oltre 5000 anni. Si tratta di una pianta caratterizzata da foglie verdi e lucenti e piccoli fiori bianchi. Viene raccolto quando raggiunge il metro e mezzo di altezza in maniera tale da facilitarne la raccolta.

Questa bevanda può essere gustata calda in inverno e fredda in estate. Per poter preparare un buon infuso di tè verde versare in acqua bollente uno o due cucchiaini delle sue foglie. Lasciare raffreddare per qualche minuto e in seguito filtrare il contenuto.

E’ stato appurato da ricerche recenti che il tè verde presenta un contenuto di caffeina inferiore rispetto al caffè stesso o al tè nero.

Ma quali sono le proprietà del tè verde?

Il tè verde contiene tannini, flavonoidi, teina, minerali, aminoacidi e vitamine del gruppo B.

Per quanto riguardano invece le proprietà, esse sono principalmente toniche, diuretiche, antinfiammatorie e depurative. In particolare una sostanza presente nella pianta svolge un’azione di prevenzione contro il cancro all’utero, al seno, alla prostata, al pancreas e al fegato.

Ecco alcuni dei suoi principali benefici per la salute

  • antiossidante: il tè verde è un concentrato di antiossidanti. Gli antiossidanti sono indispensabili per l’organismo in quanto rallentano l’invecchiamento cellulare e al contempo stesso favoriscono la rigenerazione dei tessuti
  • antibatterico naturale: la sua azione riguarda in principal modo la bocca e i denti.Studi scientifici hanno confermato l‘azione benefica del tè verde contro alcuni batteri presenti nel cavo orale.  Inoltre bere tè verde aiuta a prevenire la carie
  • tumori della pelle: da alcune ricerche scientifiche è emerso che in Giappone e in Cina, dove il consumo di questa bevanda è davvero molto alta, la percentuale di persone colpite da tumore è molto bassa
  • dimagrire: il tè verde è considerato l’alleato perfetto per eliminare i chili di troppo. Gli esperti hanno identificato in questo vegetale, una sostanza capace di bruciare i grassi in eccesso e ridurre al contempo stesso l’assorbimento dei grassi introdotti con l’alimentzione
  • diabete, pare che l’uso del tè verde sia utile nella prevenzione del diabete. Infatti c’è una sostanza particolare, l’EGCG la quale contribuisce a bilanciare i livelli di zucchero presenti nel sangue.
  • abbronzatura: per chi ama l’abbronzatura arrivano buone notizie. Infatti è stato dimostrato da uno studio scientifico che questo vegetale è in grado di proteggere la pelle dagli effetti dannosi dei raggi UV grazie alle catechine.

Gli utilizzi del tè verde

In commercio esistono oltre all’infuso anche le compresse di estratto secco o in alternativa le capsule. L’effetto è lo stesso non c’è differenza…

Inoltre molto utilizzata in cucina per fare i dolci è la polvere del tè verde. Famose sono la torta o il gelato al tè verde.

Un utilizzo eccessivo di questa sostanza può creare ansia e agitazione. Quindi è molto importante stare attenti alla quantità assunta.

A presto!

The post Proprietà e benefici del tè verde appeared first on Dojo Garden.

]]>
https://www.dojogarden.it/2014/11/proprieta-benefici-verde.html/feed 0
Come sfruttare al meglio le proprietà del limone https://www.dojogarden.it/2014/10/come-sfruttare-proprieta-limone.html https://www.dojogarden.it/2014/10/come-sfruttare-proprieta-limone.html#respond Fri, 24 Oct 2014 13:42:41 +0000 http://www.dojogarden.it/?p=260 Tutte le donne sanno che il limone ha molte proprietà benefiche. Infatti questo agrume viene impiegato non solo per insaporire le pietanze, ma può essere utilizzato anche nel campo della cosmesi e della bellezza. La sua buccia contiene molte proprietà curative e possono essere usate in maniera molto semplice. Ecco come sfruttare al massimo le …

The post Come sfruttare al meglio le proprietà del limone appeared first on Dojo Garden.

]]>
Tutte le donne sanno che il limone ha molte proprietà benefiche. Infatti questo agrume viene impiegato non solo per insaporire le pietanze, ma può essere utilizzato anche nel campo della cosmesi e della bellezza.

La sua buccia contiene molte proprietà curative e possono essere usate in maniera molto semplice.

Ecco come sfruttare al massimo le proprietà del limone

Il limone è noto per il suo alto contenuto di acido citrico fondamentale per il ricambio cellulare, e di antiossidanti. Oltretutto questo agrume è ricco anche di potassio, sodio e vitamine, in particolare di quelle dei gruppi A,B, e C.

Per quanto riguarda la buccia invece, essa è ricca di flavonoidi e di oli essenziali. Grazie ai suoi principi attivi la scorza è dotata di proprietà antisettiche e antibiotiche. Infatti è possibile utilizzare questo ingrediente sulla cute ferita, irritata o affetta da reumatismi. In aggiunta è ideale per combattere il mal di gola.

Per quanto riguardano invece i trattamenti di bellezza, il limone può essere impiegato come rimedio naturale per risolvere i vari inestetismi cutanei.

Trattamenti di bellezza con il limone

In commercio si trovano moltissime creme avente come ingrediente principale il limone, ma generalmente si tratta di un ingrediente creato in laboratorio in maniera artificiale, e il risultato che si ottiene è davvero mediocre rispetto ad una crema fai da te.

Il limone è considerato per molti un efficace rimedio naturale utile per combattere diversi inestetisti della pelle. Vediamoli insieme:

  • pelle grassa: dopo aver deterso delicatamente il viso, utilizzare un dischetto di cotone imbevuto a sua volta di succo di limone. Lasciare asciugare per una ventina di minuti e in seguito mettere la crema giornaliera
  • rughe: è consigliabile a tale riguardo lavare il viso due volte alla settimana con il succo di limone. Con il tempo la pelle apparirà morbida e liscia come non mai grazie all’alto contenuto di flavonoidi e vitamine presenti
  • macchie cutanee e lentiggini: per poterle schiarire applicare con un dischetto imbevuto di succo di limone e sale sulle lentiggini o sulle macchie cutanee
  • denti ingialliti:  lavare i denti con il succo di limone una volta alla settimana e il risultato sarà sorprendente!

Come si può denotare, i benefici che il limone può apportare sono davvero numerosi.

Ma per chi è amante di questo agrume, è possibile coltivarlo in vaso direttamente sul balcone di casa propria. La procedura è molto semplice e in aggiunta le cure che occorrono per poterlo fare crescere sano e vigoroso non sono poi così tante.

Ecco come coltivare i limoni in vaso

Innanzitutto bisogna riempire il vaso di terriccio e in seguito interrare il seme. A questo punto non resta che innaffiare regolarmente la pianta finchè non germoglia. Ma a seconda della temperatura esterna, il periodo di germinazione varia dalle 4 alle 6 settimane circa.

Bisogna anche effettuare una buona concimazione in maniera tale che la pianta cresca sana e forte.

Una volta che la piantina sarà cresciuta è possibile rinvasarla. Il periodo ideale per procedere al rinvaso è quello compreso tra la fine di maggio e l’inizio di giugno. Questo piccolo accorgimento è di vitale importanza per la pianta stessa, poichè permetterà di sviluppare meglio le radici e ottenere quindi più frutti.

A presto!

 

 

 

 

The post Come sfruttare al meglio le proprietà del limone appeared first on Dojo Garden.

]]>
https://www.dojogarden.it/2014/10/come-sfruttare-proprieta-limone.html/feed 0
Aromaterapia: piante e fiori da coltivare in giardino https://www.dojogarden.it/2014/10/aromaterapia-piante-fiori-coltivare-in-giardino.html https://www.dojogarden.it/2014/10/aromaterapia-piante-fiori-coltivare-in-giardino.html#respond Mon, 13 Oct 2014 21:23:27 +0000 http://www.dojogarden.it/?p=226 Se volete coltivare piante e fiori dalle proprietà aromatiche nel vostro giardino al fine di garantire fragranze naturali e rilassanti per tutto l’anno, allora questa guida fa proprio al caso vostro. Infatti la coltivazione di piante e fiori può avere un effetto del tutto positivo sulla vostra salute: quindi, perchè  non creare un giardino a …

The post Aromaterapia: piante e fiori da coltivare in giardino appeared first on Dojo Garden.

]]>
Se volete coltivare piante e fiori dalle proprietà aromatiche nel vostro giardino al fine di garantire fragranze naturali e rilassanti per tutto l’anno, allora questa guida fa proprio al caso vostro.

Infatti la coltivazione di piante e fiori può avere un effetto del tutto positivo sulla vostra salute: quindi, perchè  non creare un giardino a prova di aromaterapia? Basterà coltivare nel vostro giardino le piante dalle proprietà aromatiche e il gioco è fatto!

A differenza di quanti molti pensano, non è difficile creare un giardino per l’aromaterapia. La sua procedura è abbastanza semplice e richiede soltanto un po’ di attenzione e di pazienza.

Ecco quali sono le piante aromatiche più adatte a questo scopo

La lavanda è sicuramente una delle piante più apprezzate degli ultimi tempi grazie ai principi attivi che possiede. Infatti essa è nota per le sue proprietà rilassanti, calmanti e antimicotiche.

Ma vediamo insieme come coltivare la lavanda in giardino: La prima cosa da fare è scegliere se coltivarla a partire dai semi oppure dalla talea. Nel primo caso, il ciclo di semina per le zone a clima mite è durante la stagione autunnale, mentre per le zone più fredde è l’inizio della primavera.

Mentre se preferite la talea allora in questo caso cercate di optare per i rametti di lavanda con uno stelo lungo di almeno 10 cm. La sua procedura è molto semplice, però ci sono alcune accortezze che dovete tenere in considerazione: la pianta predilige la luce solare, quindi andrà posizionata in un luogo con molta luce.

Inoltre necessita di uno spazio molto ampio, quindi a questo riguardo è di fondamentale importanza che ci sia una buona distanza tra una pianta e l’altra. E’ importante non innaffiarla spesso e state molto attenti che non si creino dei ristagni d’acqua.

E’ consigliabile attendere almeno due anni prima di procedere con la concimazione. Questa procedura tra l’altro si effettua durante la stagione primaverile oppure a fine estate.

Per la potatura invece bisogna procedere ogni anno, subito dopo la fioritura.

Il rosmarino invece è stato giudicato capace di migliorare la concentrazione e la memoria. Inoltre riduce i gonfiori e migliora sensibilmente la digestione. E’ una delle erbe aromatiche più utilizzate in cucina.

Ecco come coltivare il rosmarino in giardino

E’ una pianta molto resistente e non necessita di molte cure. Per la sua coltivazione è sufficiente acquistare le piantine nei vivai o nei supermercati e cercare di trapiantarle in un vaso più grande. Per quanto concerne la sua innaffiatura invece, deve essere costante soprattutto nel primo anno di età, facendo però attenzione ai ristagni d’acqua. Il terreno deve essere concimato ogni 15 giorni con del fertilizzante apposito.

Il geranio rosa invece contiene oli essenziali benefici, e grazie ai suoi principi attivi favoriscono il buonumore. Inoltre sia la pianta che i fiori di geranio costituiscono dei buoni repellenti contro le zanzare.

Questa pianta non richiede molte cure dal momento che è molto resistente. Ciononostante è necessario prestare attenzione alle innaffiature e alla esposizione al sole.

Guida alla coltivazione del geranio rosa

Generalmente cresce molto bene alla luce solare, perciò questa pianta può essere tranquillamente coltivata in giardino.

Una delle principali sofferenze che il geraio rosa può accusare è l’eccesso idrico. Per non incorrere ad un eccesso di acqua vi consiglio di aspettare che il terreno si dissecchi  per bene prima di procedere con l’irrigazione. Va innaffiato dal mese di maggio fino a settembre, mentre per il resto dell’anno è sufficiente l’acqua che arriva direttamente dalle precipitazioni.

 

 

 

 

The post Aromaterapia: piante e fiori da coltivare in giardino appeared first on Dojo Garden.

]]>
https://www.dojogarden.it/2014/10/aromaterapia-piante-fiori-coltivare-in-giardino.html/feed 0
Come difendere le piante con metodi naturali https://www.dojogarden.it/2014/08/come-difendere-piante-metodi-naturali.html https://www.dojogarden.it/2014/08/come-difendere-piante-metodi-naturali.html#respond Fri, 22 Aug 2014 22:54:32 +0000 http://www.dojogarden.it/?p=149 Curare le nostre piante è sicuramente un qualcosa di molto bello e appagante al contempo stesso. Infatti sono molti i modi in cui possiamo prenderci cura delle nostre piante durante l’anno. Purtroppo a volte può accadere che nonostante sottoponiamo le nostre piante a continue cure e trattamenti, i parassiti possono ugualmente danneggiarle. Allora cosa possiamo …

The post Come difendere le piante con metodi naturali appeared first on Dojo Garden.

]]>
Curare le nostre piante è sicuramente un qualcosa di molto bello e appagante al contempo stesso. Infatti sono molti i modi in cui possiamo prenderci cura delle nostre piante durante l’anno.

Purtroppo a volte può accadere che nonostante sottoponiamo le nostre piante a continue cure e trattamenti, i parassiti possono ugualmente danneggiarle. Allora cosa possiamo fare per evitare che accada questo?

Qui di seguito un semplice e breve vademecum per diventare dei perfetti bio-giardinieri.

Ecco cosa fare

Esistono in natura moltissimi rimedi naturali davvero efficaci se somministrati adeguatamente, e tra l’altro cose possono essere preparati tranquillamente anche a casa. Il vantaggio dei rimedi naturali è che non presentano controindicazioni a differenza dei preparati chimici che si trovano in commercio.

Detto questo ecco una prima ricetta davero molto utile per difendere le nostre amate piante dai tanti temuti parassiti:

La prima cosa da fare è quella di mettere all’interno di una pentola dell’acqua fredda, 2 spicchi d’aglio e un po’ di peperoncino. Attenzione, l’aglio deve essere privato dalla buccia. Una volta che l’acqua viene portata a bollore, lasciare l’infuso sul fuoco per altri 15 minuti al massimo, in modo tale che l’infuso diventi ancora più concentrato e tutte le sostanze si liberino all’interno dell’acqua.

Una volta che il nostro infuso è pronto, prendiamo un colino preferibilmente a maglie strette e iniziamo a filtrare l’intriso. A questo punto aggiungiamo un cucchiaio di olio di Neem e qualche goccia di olio essenziale al bergamotto o in alternativa al limone e iniziamo a mantecare il tutto con un cucchiaio di legno.

Fatta questa prima procedura, possiamo versare l’infuso nello spruzzino e spruzzarlo direttamente sulle foglie delle piante. Essendo un trattamento prettamente naturale senza l’aggiunta di additivi chimici possiamo utilizzarlo anche a giorni alterni.

Un altro buon rimedio naturale per difendere le nostre piante da parassiti è l’infuso a base di foglie di ortica e di pomodoro. La procedura è simile a quella precedente. Prendiamo le foglie di ortica e quelle del pomodoro laviamole per bene sotto l’acqua corrente in maniera tale da eliminare ogni residuo di terra e successivamente mettiamole in una pentola piena d’acqua. Portiamo l’infuso a bollore e lasciamo la pentola ancora un po’ sul fuoco per altri 15 minuti.

In seguito filtriamo il tutto in una ciotola utilizzando sempre un colino a maglie strette. Una volta che il nostro infuso si sarà raffreddato possiamo versarlo nello spruzzino e spruzzarlo direttamente sulle foglie.

Il decotto

Ma oltre all’infuso, anche il decotto può essere un altro buon espediente. Si ottiene mettendo i vegetali a macerare in acqua fredda per 36 ore al massimo.In seguito si scalda il tutto a fuoco dolce per almeno mezz’ora e successivamente si filtra e si vaporizza con un apposito spruzzino. Il decotto più famoso è sicuramente quello di Noci di sapone facilmente reperibile in erboristeria.

Se invece vogliamo prepararlo in caso dobbiamo stare attenti che la soluzione non diventi troppo densa altrimenti non uscirà dallo spruzzino. Eventualmente possiamo aggiungere al composto un po’ di acqua in modo tale da renderla nebulizzabile. Questo preparato ha un alto potere antiparassitario e possiamo spruzzarlo anche ogni giorno sulle nostre piante finchè i parassiti non scompariranno del tutto.

Come potete constatare in natura esistono diversi rimedi naturali che possono davvero essere molto efficaci se usati regolarmente.

A presto!

The post Come difendere le piante con metodi naturali appeared first on Dojo Garden.

]]>
https://www.dojogarden.it/2014/08/come-difendere-piante-metodi-naturali.html/feed 0