Come piantare gli ortaggi

Fino  a qualche tempo fa, coltivare un orto per piantare ortaggi era una prerogativa esclusiva di chi possedeva un pezzo di terra in campagna o chi aveva a disposizione un bel giradino. Ora invece, le cose sono un po’ cambiate, nel senso che tutti possono piantare ortaggi anche in una porzione ridotta di terreno o addirittura sul balcone di casa.

Infatti il desiderio di portare in tavola prodotti sempre freschi e soprattutto biologici, ha incentivato la coltivazione di orti, moltiplicando in questo modo il numero degli appassionati di giardinaggio.

Tuttavia coltivare un orto non è molto facile come in apparenza potrebbe sembrare, poichè ci vuole molta costanza e tanto impegno così come per ciascun lavoro fatto in una certa maniera. Ma non demoralizzate! Anche le persone meno brave possono cimentarsi a piantare gli ortaggi nel proprio orto, basta seguire passo dopo passo ogni singolo accorgimento che andrò ad illustrare, e il gioco è fatto..

Vediamo quindi, come coltivare un orto in maniera eccellente!

I primi passi per coltivare un orto

La prima cosa da fare è quella di scegliere un luogo ben esposto al sole durante la stagione estiva, mentre in autunno e in inverno ben coperto da raffiche di vento e dalle forti gelate.

L’esposizione al sole è molto importante, così come lo spazio che volete utilizzare nel piantare i vostri ortaggi. Naturalmente la grandezza dell’orto dipende soprattutto dalle quantità di piante che volete coltivare. Tuttavia vi consiglio di scegliere quelle parti di terreno ben pianeggianti in modo tole da evitare brinate durante la stagione invernale.

Un orto ben organizzato dovrebbe essere composto nel seguente modo:

  • un’area dedicata alle piante aromatiche
  • una zona dedicata alla frutta
  • un’area dedicata agli ortaggi

Ma quando è possibile coltivare l’orto?

Sicuramente la stagione adatta è l’estate, in quanto il vostro orto produce molti più frutti rispetto alle altre stagioni, ma  anche negli altri periodi è possile coltivarlo, puntando su ortaggi invernali come ad esempio i broccoli, la verza, i cavoli e via dicendo..

La preparazione dell’orto

Questa fase è molto importante perchè dovete preparare per bene il terreno dove andranno riposti successivamente i semi. A questo riguardo è indispensabile eliminare dal terreno qualsiasi tipo di erbacce presenti cercando di penetrare in profondità.

Per coltivare il terreno in estate dovete preparare il terreno in autunno. Poi il terreno si lascia riposare tutto l’inverno e in seguito potete procedere con la fresatura in primavera. Inoltre per preparare il terreno alla coltivazione dovete concimarlo e a questo riguardo potete utilizzare dei fertilizzanti naturali o del letame maturo che darà nutrimento al vostro terreno senza avvelenarlo.

Se siete alle prime armi, potreste cadere in alcuni errori. Quindi ecco cosa dovete evitare di fare:

  1. sbagliare la scelta degli ortaggi da coltivare
  2. coltivare una quantità eccessiva di ortaggi
  3. eseguire una scarsa irrigazione portando le colture alla morte
  4. non essere in grado di valutare le caratteristiche del terreno (granulometria, equilibrio del suolo, ecc..)
  5. non considerare il giusto impegno che la coltivazione di un orto richiede

Detto questo, spero di esservi stata di aiuto anche questa volta..

A presto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *